Ricette contro la tristezza

Trattato di culinaria per donne tristiBasta l’incipit di questo piccolo libretto a fargli trovare un posticino nella mia libreria pistoiese 🙂
“Nessuno conosce le ricette della felicità. Tuttavia, nella mia lunga pratica con frutti e verdure, con erbe e radici, con muscoli e viscere delle varie bestie selvatiche e domestiche, ho trovato in certe occasioni vie di consolazione. Sono preparati semplici e molto poco rischiosi. Diffida di me, non cucinare i miei decotti se ti assale l’ombra di un dubbio. Ma leggi questo tentativo fallace di stregoneria: lo scongiuro, se serve, non è altro che il suono: ciò che cura è l’aria che esalano le parole”.
A scriverlo è Héctor Abad Faciolince, autore colombiano, pressochè sconosciuto, un dolce e strambo affabulatore dell’anima, lo definirei, onesto con il lettore nel dichiarare, senza mezzi termini, di non essere un gastronomo o un gourmet.
Non so bene come dirvelo, ma… questo NON è un libro di cucina.
Di più: è un libro di non-cucina fatto di riflessioni acute, dotate di una sferzante ironia e mescolate a degli improponibili ed impropinabili consigli gastronomici. 😀
Mi è piaciuto questo foglietto illustratito per la lettura che ho trovato sul web e ve lo ripropongo:
Consigliato: a chi gradisce la letteratura sudamericana, a chi legge volentieri per puro gusto o per curiosità, a chi di un libro sa apprezzare anche il tipo di carta e il formato (sbiello letteralmente per la grande raffinatezza della Sellerio).
Sconsigliato: ai pragmatici, a chi non ama la grazia onirica degli scrittori latini, ma soprattutto a chi non crede che la ricetta del cavolfiore nella nebbia abbia il potere di succhiare la malinconia e che nulla addolcisca le pene dello spirito come le marmellate…

Una ricetta davvero azzeccata:
“Se un giorno ti ammalerai di parole, come a tutti noi succede, e sarai stanca di sentirle, di dirle. Se qualsiasi parola sceglierai ti sembrerà sprecata, senza luce, sminuita. Se avrai la nausea quando senti “orribile” o “fantastico” per qualsiasi fatto, non ti curerai, ovviamente, con una zuppa di lettere. Farai quanto segue: cuocerai al dente un piatto di spaghetti che condirai con il sugo più semplice: aglio, olio e peperoncino. Sulla pasta già rimescolata con l’intingolo suddetto, grattugerai uno strato di parmigiano. Al lato destro del piatto fondo colmo di spaghetti conditi come ho detto, metterai un libro aperto. Al lato sinistro, metterai un libro aperto. Di fronte, un bicchiere pieno di vino rosso secco. Qualsiasi altra compagnia non è consigliabile. Sfoglierai a caso, le pagine dell’uno e dell’altro libro, ma entrambi devono essere di poesia. Solo i buoni poeti ci curano dalla saturazione di parole. Solo il cibo semplice ed essenziale ci cura dai peccati di gola.”

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Ricette contro la tristezza

  1. E infatti oggi, marmellata di arance! Grazie per questi bei consigli Cristina (il libro lo trovo in biblioteca? e dovendo scegliere un momento tranquillo per venirci tu quale consigli? il lunedì pomeriggio potrebbe esserlo? è l’impegno per il 2011 venirci periodicamente). Un abbraccio

    • Il lunedì pomeriggio è abbastanza tranquillo fino a verso le 16.30 poi c’è più movimento. Alla San Giorgio non c’è ma io l’ho fatto arrivare col prestito interbibliotecario da Larciano 🙂 (pensa un pò :-))

  2. ricetta meravigliosa, care mie 2 bambole di cri e peonia… subito, la metto in atto subito! stasera ho desiderio di silenzio: una bimba che viene da me al laboratorio ha interrotto le lezioni di danza perché l’insegnante era sgarbata, le diceva per esempio si star muta ecc. si può nella vita sceglier di far altro, no? perché lavorare con gli esseri umani, a stretto contatto, quando non si riesce?
    e ora, senza parole, spaghetti… grazie, cri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...