Un lunedì da leone

Un cagnolotto morto di stanchezzaOggi il Lumachino è davvero cotto 😦
Tra la sveglia all’alba, la neve bolognese, il viaggio in treno e la maera di studenti in biblioteca, non vede l’ora di concedersi un momento di relax nella sua piccola cucina e rasserenarsi al dolce sobbollire di una bella zuppa (la nuova pentola di coccio deve pur rodarsi per benino…) 🙂
E siccome nel frigo ci sono un pò di gamberetti, un pezzettino di merluzzo e il mio immancabile cavolfiore, la mia rivista preferita (Cucina naturale, se non la conoscete) riesce a venirmi in mio aiuto anche questa sera 🙂 con questa ricettina!

Zuppa di cavolfiore allo zafferano con merluzzo e gamberetti
500 gr di cavolfiore bianco
1 carota
1 patata a pasta bianca
2 scalogni
1 spicchio di aglio
24 gamberetti freschi sgusciati
100 ml di vino bianco
4 foglie di alloro
300 g di merluzzo
1 bustina di zafferano
zenzero fresco grattugiato
pepe bianco
olio di oliva extra vergine
latte
sale

Mondate il cavolfiore e dividetelo in cimette. Pulite la carota, dividetela a metà e tagliatela in quattro pezzi. Sbucciate la patata e tagliatela in grossi spicchi. Lessate per 15 minuti le tre verdure in 2 litri d’acqua bollente salata, scolatele e conservate l’acqua di cottura al caldo.
Sbucciate gli scalogni e l’aglio, tritateli e rosolateli per 6-7 minuti insieme a tre cucchiai di olio, aggiungete le code dei gamberetti, fatele insaporire per 2-3 minuti, bagnate con il vino e fatelo evaporare quasi del tutto.
Togliete il pesce dalla pentola e unite al fondo di cottura le foglie di alloro e il merluzzo tagliato in piccoli pezzi facendolo cuocere da solo per 5 minuti.
Aggiungete le patate e il cavolfiore schiacciati con una forchetta, fateli insaporire insieme al pesce per qualche minuto, unite lo zafferano insieme a 1 litro circa dell’acqua di cottura delle verdure dal momento dell’ebollizione cuocete per altri 5-6 minuti.
Sgusciate i gamberetti e divideteli a metà per il lungo. Frullate le carote con un frullatore a immersione insieme a un pizzico di zenzero e al latte sufficiente a ottenere una fluida salsina.
Togliete le foglie d’alloro dalla zuppa e, se troppo asciutta, equilibratela con l’acqua di cottura delle verdure, tenendo presente che deve comunque rimanere densa.
Assaggiate il sale, pepate e distribuite nei piatti. Disponete tutto intorno le mezze code di gamberetti, versate al centro la salsina di carote versata a filo e servite.


Che dirvi…Che il topino Remì sia con voi!!! 😀
A domani per un giro sulla macchina del tempo….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...