Come diventare italiani in 24 ore

Come diventare italiani in 24 oreItaliani si nasce o si diventa?
Immaginate di avere 24 ore per apprendere i fondamentali, le abitudine, i modi tipici di fare dell’italiano medio. Ogni ora un dettaglio del nostro carattere nazionale sotto la lente di ingrandimento e alla fine … il miracolo! Raggiungere il massimo livello del nostro QI (ovvero, Quoziente di Italianità)
Ecco allora a voi, una pagina spassosissima di questo “diario

Caro diario,
sta piovendo a dirotto. Nicola sta guardando la tv e io, al suo fianco, sto riflettendo sul mio futuro.
Il mio lavoro mi piace molto, ma è auspicabile rimanere insegnante a vita o sarebbe meglio cambiare mestiere per una mia crescita personale? Mentre mi interrogo sul da farsi, sullo schermo appaiono due signori distinti che sembrano intenti a fornire una dimostrazione di infarto in diretta televisiva. Una donna dalle labbra rifatte li interrompe in continuazione, imitando il canto d’amore degli istericosauri. Invece di interpellare le forze dell’ordine, il conduttore del programma sorride beato e si frega le mani.
Ho il QI sufficientemente sviluppato da sapere che si tratta di una trasmissione politica, non di incontro di pugilato tra detenuti dei bassifondi, come crederebbe chiunque fosse arrivato in Italia l’altro ieri.
“Potrei intraprendere uan carriera politica che ne dici?” rimugino. “Se Sonia Gandhi può candidarsi a Primo ministro in India, perché un’italiana per scelta non può fare la parlamentare qui?”
“Beh” replica lui, “non crei di avere un rapporto un tantino schizofrenico con il paese? Vabbè, forse quello è un vantaggio. Poi, vediamo, da quando sei arrivata hai imparato a far soldi scrivendo e raccontando un sacco di frottole. Anche questo potrebbe giocare a tuo favore. Sei pure diventata esperta in metafore, il che va di moda, tuttavia…”
I suoi punti di sospensione mandano sulle montagne russe il mio QI.
“Tuttavia cosa?”
“Sei ancora troppo diversa”.
Noooooooooo! Da chiunque altro sì, ma da lui, che ha giurato di amarmi nella buona e nella cattiva sorte davanti a quattro capi religiosi, non mi aspettavo una cattiveria del genere! Poteva chiamarmi una stronza, esaltata, tutto quello che vuoi….ma diversa no!…
“Cosa faccio che non va?”
“Alzi la mano quando vuoi fare una domanda”.
Passo mezz’ora in assoluto silenzio e poi rilancio.
“Ma perché si dice piove, governo ladro?” – se non sono ancora brava ad interrompere i miei interlocutori, almeno mi alleno a rompere le palle a casa.
Rassegnato, il mio consorte spegne la tv e mi porta un mappamondo. Mette il dito sul deserto del Sahara.
“Guarda” dice. “Cosa vedi?”
“Chilometri e chilometri di sabbia”.
“Esatto. Nessun insediamento umano, nient’altro che sabbia, capito?”. Aggiunge che negli altri paesi l’uomo più influente si chiama Cancelliere, Prime Minister, Sultano, mentre in Italia si dice Capo di Gabinetto.
“Quindi, che tipo di governo ci meritiamo?” conclude.
Chissà perché la mia voglia di politica svanisce all’istante.
“Nicola?”
“Mò che c’è?”
“E quando si dice che un paese va a puttate?”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...