Smalto, rossetto e pollice verde

Copertina di Smalto, rossetto e pollice verdeCome matta e come booktrainer oggi dedico questo post a chi si reputa “assassina di piante” dichiarata, a chi crede che il giardinaggio sia qualcosa di impossibile, ma anche a chi va alla ricerca del bio e del cibo sano, a chi vive davvero assaporando lo “slow”, a chi spende il proprio tempo libero a coltivare l’orto di casa sul terrazzo!
Il libro perfetto per voi è proprio questo, Smalto, rossetto e pollice verde di Laetitia Maklouf! Una guida divertente e tutta al femminile che gioca sulla possibilità di sedurre, incantare e divertirsi coltivando piante e fiori… senza rovinarsi la manicure. 😛
Vedrete come, sfogliandolo, avrete la percezione di annusare il fresco profumo di una foglia di cedrina (la mia nonna la nascondeva nei fazzoletti per averli sempre profumati :-D) che dà una sferzata di energia, di gioire di fronte ad una tavola decorata con addobbi fioriti, di vivere in un ambiente magico, capace di coinvolgere i sensi e trasmettere un’accoglienza speciale. insomma un bel ricettario botanico, fatto di progetti facili e accessibili per giardinieri “in erba”, che faranno scrocchiare i vostri pollici verdi nascosti 😀
“Se non avete mai praticato il giardinaggio prima, o ne siete rimasti delusi in passato, questo libro vi insegnerà a entrare in intimità con le piante e a rendere irresistibile lo spazio in cui vivete, all’aperto o al chiuso che sia, senza ricorrere al gergo tecnico o a incomprensibili diagrammi… Sostituite l’ansia da prestazione con un pò di sano divertimento: perciò fate un bel respiro e via… buttatevi nell’aiuola”

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Smalto, rossetto e pollice verde

  1. Vedo che lei tende molto spesso a sottolineare il fatto di ritenersi una pazza.Io al contrario negli hobby (e/o passioni come lei ama definirli) che pratica, e/o come gli pratica, nel suo tempo libero, non ci trovo nessuna pazzia.
    Nello scattare foto alle vetrine di un centro cittadino, ad un giardino fiorito e/o ad una mostra, a fare acquisti ad un mercato biologico, a circondarsi di fiori ed a curarli amorevolmente ( addirittura acquistati, se non sbaglio , dal proprio vivaista di fiducia)non ci trovo proprio niente di anormale, ma normali interessi che possiamo ritrovare in qualsiasi famiglia piccolo-borghese.

    Almeno che non si concordi con il pensiero di Erasmo da Rotterdam che in un passaggio del suo splendido saggio “Elogio della Follia” afferma:<>

    • La pazzia libera dagli affanni, illumina i volti di insolità ilarità, spiana le fronti con una risata lieta e amichevole 🙂 e questo, in soldoni, è ciò che voglio essere (un mio collega pistoiese mi apostrofa additittura coll’espressione “che cavalla” 😀 e la dice tutta 🙂

      • :<< E' pacifico che tutte le passioni rientrano nella sfera della follia: ciò che distingue il savio dal pazzo è che questi si fa guidare dalle passioni, mentre il primo ha per guida la ragione:<<
        Comunque vedo che conosce e condivide il buon Erasmo da Rotterdam…. pertanto benvenuta nel regno della follia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...