Apri gli occhi Italia!

“Hanno il coraggio di raccontarci che lo Stato non è più in grado di sostenere i costi di queste misure per i cittadini. Ma come è possibile che oggi manchi il denaro necessario a salvaguardare e garantire nel tempo tali conquiste, quando dalla Liberazione, periodo che ha visto l’Europa in ginocchio, la produzione di ricchezza è considerevolmente aumentata? Forse perché il potere dei soldi, tanto combattuto nella Resistenza, non è mai stato così grande, arrogante, egoista con i suoi stessi servitori, fin nelle più alte sfere dello Stato. Le banche, oramai privatizzate, dimostrano di preoccuparsi anzitutto dei loro dividendi e degli stipendi vertiginosi dei loro dirigenti, non certo dell’interesse generale. Il divario tra i più poveri e i più ricchi non è mai stato così significativo; e mai la corsa al denaro, la competenza, erano state a tal punto incoraggiate.

…Viviamo in un contesto di interconnetività senza precedenti. Ma in questo nostro mondo esistono cose intollerabili. Per accorgersene occorre affinare lo sguardo, scavare. Ai giovani io dico: cercate e  troverete. L’indifferenza è il peggiore di tutti gli atteggiamenti, dire: “Io che ci posso fare, mi arrangio”. Comportandoci in questo modo, perdiamo una delle componenti essenziali dell’umano. Una delle sue qualità indispensabili: la capacità di indignarsi e l’impegno che ne consegue.” (Stéphane Hessel)


Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Apri gli occhi Italia!

  1. Sempre più spesso mi trovo spiazzato nel leggere tra le righe dei tuoi commenti e citazioni varie,perchè ho l’impressione di trovarmi di fronte a due lumachini :uno bucolico e godereccio , estremamente conciliante con chicchessia,politicamente corretto, in fondo sarei tentato di dire ( perdonami per questo)piuttosto scioccarello, l’altro estremamente sensibile ,interiormente sofferente,pienamente calato nella realtà che lo circonda e pertanto irrimediabilmente antagonista allo stato delle cose presenti.Ultimamente noto che il conflitto tra queste due “anime” si stà facendo sempre più acceso e qualcosa ultimamente deve essere accaduto per accellerare così questo processo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...