Un po’ di s.c.o.t.c.h

La grandezza di questo paese
non è più nelle piazze, non è nelle chiese
Non è Roma di marmi, fontane e potere
Né Milano tradita da chi se la beve.
Non è Genova o Taranto, signore del mare.
Non è Napoli e questo è persino più grave.
Non è più divertente tirare a campare
soprattutto non è originale.

La fortuna di questo paese
non è più degli artisti
non è delle imprese
Non c’è nei discorsi di chi vado a votare
se grandezza ce n’è non si riesce a vedere
così hai voglia a cercarla tra i mille canali
sia su quelli analogici che sui digitali
ma non serve aumentare la definizione
per vedere più grande un coglione.

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Un po’ di s.c.o.t.c.h

  1. Martedi 24 maggio alle ore 19 Giuseppe Grattacaso, salernitano di Pistoia, poeta, presenterà al Circolo Arci “N. Puccini” (Via Bolognese, 2 Capostrada -Pistoia) la sua ultima raccolta “Confidenze da un luogo familiare” edito da Campanotto, parlerà della poesia del quotidiano e del suo amore per il teatro. Infine leggerà versi che ci faranno bene all’anima. L’incontro è organizzato nell’ambito della rassegna “Biblioteca da Bar”, promosso da Biblioteca Don Chisciotte e Associazione Culturale Amanacer. Dopo l’incontro, al Ristorante Sancho Panza, all’interno del Circolo, si svolgerà la cena: in tavola i Paccheri alla colatura di alici di Cetara e la Parmigiana di melanzane con la mozzarella campana, la salsa di pomodoro e il basilico. Con il pane napoletano, le scamorze miste bianche e affumicate di Caciosteria, il gelato di ricotta e fichi caramellati e il gelato di cassata offerto da Mani, la spesa è di 20 euro. Al vino pensa Re di Coppe. Alessandro Borrelli è il grande cuoco. Prenotazioni al circolo: tel. 0573-400180 Giuseppe Grattacaso è un poeta. Un cronista attento e sensibile del quotidiano, acuto osservatore di oggetti e di soggetti, commosso partecipe alle piccole, grandi vicende del mondo. I suoi versi fanno molto bene. Di lui hanno detto: “La poesia di Giuseppe Grattacaso, Confidenze da un luogo familiare, dichiara esplicitamente, in apertura, tutti i suoi debiti: Gozzano, Noventa, Sinisgalli. Ma poi prende una strada propria, che affonda nelle proprie mancanze, malinconie, inciampi. E li restituisce al lettore attraverso immagini nitide e condivise, comprensibili da tutti” (Franco Marcoaldi, La Repubblica).

  2. Ti ho segnalato questa iniziativa perchè mi sembra molto attinente ai temi da te quotidianamente trattati. So che loro fanno spesso queste cose, sarebbe interessante una sinergia con il tuo blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...