Caterpillar non tradisce mai!

Che fine settimana che è stato quello passato a Senigallia! Senza parole! Un’energia unica, straordinaria, per i grandi concerti che animavano la città (Ben L’Oncle Soul, La Banda Osiris, Nada, Capossela e Caparezza – letteralmente DA URLO), per l’allegria e i sorrisi che vedevi tra i tanti fedelissimi della nota trasmissione radiofonica, ma soprattutto per quell’evento che più di ogni altro caratterizza il Caterraduno: l’asta per la legalità a favore di Libera, l’associazione fondata da Don Ciotti da anni impegnata nella lotta alla mafia, diffondendo una cultura della legalità e facendo rivivere i terreni confiscati.

I “lotti” offerti erano davvero tanti e tutti carichi di significato: dai baffi di Ruotolo, alla tessera da ministro di La Russa (non vi racconto i fischi che dalla piazza sono partiti alla volta di questo “personaggetto” :-D), dalla bicicletta usata dalla Senesi per arrivare da Milano alla spiaggia di velluto, all’Amaca di Michele Serra, dalla bandiera di Lucia Massarotto, alla foto dei Fratelli Cervi e tantissimo altro ancora (messaggio di servizio : Dom (alis Thor per Solibello – sei stato grandioso nell’aggiudicarti la statuetta di San Nicola, ma soprattutto la locandina del film di Don Camillo 😀 )!!

Un’asta che ha raccolto complessivamente oltre 38.000 € ma, come sempre, l’anima della manifestazione vine fuori con le “cordate” ed è successo anche quest’anno! Al momento di battere un’intero ufficio prodotto da un’azienda campana in cartone riciclato, con i rifiuti della stessa regione, qualcuno lancia l’idea: “Compriamolo noi per regalarlo a De Magistris”! Ed ecco il cuore della piazza : 6.071 euro  per  esprimere alla classe politica appena eletta la necessità di “rinnovarsi”, approcciandosi nella gestione del bene pubblico con un nuovo spirito di legalità!

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Caterpillar non tradisce mai!

  1. Ciao Lumachino, per dare continuità alla cultura della tua terra di origine volevo farti omaggio di un paio di pezzi di un gruppo che ho scoperto da poco e per caso , il tutto come sempre all’insegna di una simpatica follia ( che non deve mai mancare perchè da Senigaglia mi sembri tornata impregnata di troppo buonismo , le cose vanno chiamate con il loro nome: La Russa non è un “personaggetto” è semplicemente un fascista)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...