Food for thought

Torta alla maniera mendiant
Questa torta è per i miei utenti, per tutte quelle persone con cui parlo giornalmente durante il mio lavoro e per tutti quelli che mi fanno riflettere su quanto mi appassioni essere bibliotecaria!
– una fetta è per la signora Luciana (classe 1931) che arriva al banco con quel suo sguardo malinconico dicendomi “Avevo troppi pensieri tristi in testa e allora sono corsa da voi in biblioteca per arieggiare le stanze della mia mente”;
– una fetta è per Nicola (seconda elementare) che in un pomeriggio di “calma” in sezione ragazzi si avvicina mentre riordino gli scaffali e con uno sguardo dolcissimo mi fa “Ti aiuto perché la biblioteca la dobbiamo tenere ordinata e pulita. Così poi è più bella”;
– una fetta è per le amiche e gli amici che accorrono quando li chiamo in soccorso “fotografico”, prestandosi a far da modelle/i per le foto che mi chiedono di scattare, vuoi per una rivista, vuoi per un articolo, vuoi per un nuova iniziativa (non sapete come mi diverto in questi casi ihihih :-D);
– una fetta è per quella signora che puntualmente chiedendo “Mi consiglia un libro”, mi manda nel pallone perché magari il libro che a me è piaciuto da impazzire, per lei sarà una schifezza;
– una fetta la lascio ai colleghi perché serve energia per affrontare quella parte di “mattarelli” quotidiani che non mancano mai;
– una fetta la mando ai “colleghi” del web, quelli che non conosci ma di cui leggi le riflessioni giornaliere attraverso i social: le loro parole possono trasformarsi in tanti spunti di riflessione sul valore del proprio lavoro;
– una fettina infine la lascio per me perché questa volta ho davvero sfornato una torta “da sbarello!” 😀
Crostata “mendiant”
Per la base:
250 g di farina
125 g di zucchero
100 g di burro pomata
1 uovo intero
3 cucchiai di semi di sesamo (potete sostituirli con la buccia grattugiata di un arancia)
1 pizzico di sale
Per la ganache al cioccolato:
250 g di cioccolato fondente al 60%
250 g di panna liquida
100 g di latte
25 g di burro
1 uovo intero
Per guarnire:
Frutta secca a scelta (io ho usato pinoli, mandorle, nocciole, pistacchi) e canditi

In una ciotola lavorate la farina, l’uovo sbattuto, lo zucchero, il burro e i semi di sesamo, fino a formare una palla di impasto omogenea. Avvolgetela nella pellicola e mettetela a riposare per almeno 30 minuti in frigo.
Scaldate il forno a 170°C; in una casserruola portate a bollore il latte con la panna e il burro, quindi, lontano dal fuoco, aggiungete la cioccolata ridotta a pezzetti e girate fino a che non si sarà completamente sciolta, aggiungete l’uovo e mescolate.
Su un piano infarinato stendete l’impasto e dopo averlo steso in uno stampo da 22 cm, cominciate a far cuocere la base in bianco per 10 minuti. Trascoorso questo tempo estraete la torta dal forno e versatevi la ganache. Riportate in forno la crostata e continuate la cottura per 20 minuti.
Lasciate riposare il dolce almeno 3 ore a temperatura ambiente (se vorrete degustarla più fresca, potete riporla in frigo). Prima di servire, guarnire con la frutta secca e i canditi

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Food for thought

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...